Cos’è la giuggiola, proprietà e benefici

Hai mai assaggiato le giuggiole? Certo che sì, quanti ricordi! E poi scopri che per giuggiole molti intendono le piccole caramelle gommose e che ignorano l’esistenza di un frutto tanto dolce e meraviglioso quanto poco conosciuto.

La giuggiola è uno di quei frutti dimenticati che pochi ricordano, ma che una volta erano molto comuni, anzi, delle vere e proprie delizie, quando non un toccasana; uno di quei frutti comuni e spesso selvatici che hanno subito l’assalto delle coltivazioni più redditizie, ma che resistono oggi come specialità locali in oasi di riscoperta.

Cosa sono le giuggiole, o datteri cinesi?

Le giuggiole sono i frutti del giuggiolo, o Ziziphus jujuba, pianta della famiglia delle Ramnacee originaria dell’Asia minore e diffusasi dapprima in Estremo Oriente e poi in Europa e in tutto il bacino del Mediterraneo. Il giuggiolo è un albero da frutto che si sviluppa in altezza anche fino a 10 metri, pur sviluppando frutti particolarmente piccoli.

La sua scarsa diffusione oggi è dovuta principalmente al fatto che non esistono coltivazioni intensive del giuggiolo, ma solo a livello familiare o di piccole realtà locali, soprattutto nell’area dei Colli Euganei in Veneto.

 


Leggi anche
Le giuggiole dei Colli Euganei

 

La giuggiola acerba ha un colore verde intenso e un sapore aspro ma piacevole. Successivamente diventa di colore giallo, arancione e rosso nei diversi stadi di maturazione. Quando diventa rossa il suo sapore diventa dolce e irresistibile, una piccola mela farinosa che, come le ciliegie… beh… una tira l’altra.

Proprietà e benefici delle giuggiole

Come tutti i frutti “di una volta” le giuggiole hanno proprietà straordinarie, oltre ad essere deliziose. Sono molto nutrienti e perfette da inserire in una dieta varia e bilanciata. In 100 grammi di polpa troviamo 78 calorie: questo frutto contiene l’ 81 % d’acqua, il 5,8 % di zuccheri e carboidrati, lo 0,8% di proteine, lo 0,6 % di fibre, lo 0,4 % di ceneri, lo 0,1 % di grassi.

Le giuggiole sono ricche di vitamina C, fondamentale per mantenere in forze il sistema immunitario, vitamine B1, B2, B3 e B6, sali minerali come calcio, ferro, potassio, magnesio, zinco, rame e sodio, pectina, acido linoleico, polifenoli, mucillagini, antrachinoni, tannini, zizifusina e flavonoidi.

I benefici delle giuggiole sono innumerevoli, ecco i più conosciuti:

  • Aiutano a regolare l’ipertensione grazie all’alto contenuto di flavonoidi, polifenoli  e glucosidi che abbassano i livelli della pressione sanguigna.
  • Contrastano la stitichezza grazie alla presenza degli antrachinoni e delle mucillagini e hanno discrete proprietà lassative.
  • Sono un ottimo supporto in caso di depressione, nervosismo, irritabilità, stanchezza, insonnia, ansia e palpitazioni.
  • L’alta concentrazione di vitamina C aiuta in caso di disturbi stagionali quali raffreddore, tosse e sindromi influenzali, soprattutto nella forma di estratto o frutto essiccato.
  • Hanno proprietà espettoranti ed emollienti e sono utilizzate in caso di asma, raucedine e tosse persistente.

 


Leggi anche
L’utilizzo delle giuggiole nella medicina naturale

 

Che dire, un concentrato di potenza e delizia, una specialità da scoprire, o ri-scoprire, una ricetta alla volta.

 


Leggi anche
Prova le ricette con le giuggiole